Verbale del Consiglio Direttivo dell’associazione RurART.it

L’anno 2017 il giorno 2 del mese di settembre alle ore 17.00 presso l’Ufficio di Laboratorio di Architettura, sito in via Levada 18 a Badoere di Morgano TV, si è riunito il Consiglio Direttivo dell’associazione RurART.it.
Il presidente constatata la presenza della totalità del Consiglio Direttivo dichiara valida l’assemblea e nomina Andrea Marin segretario. Si procede alla discussione e si delibera sul seguente ordine del giorno:

Ordine del Giorno

 

  • Ammissione di nuovi soci

 

Il presidente presenta l’elenco dei nuovi richiedenti ammissione alla associazione e conferma che, ciascuno di essi, possiede i requisiti indicati dallo statuto sociale ed ha dichiarato di aver preso visione dello statuto dell’associazione e di accettarlo.
Il consiglio delibera all’unanimità l’ammissione in qualità di socio, con tessera numero, i richiedenti:

  • Giovanni Battista Salerno 103
  • Roberta Sandri 104
  • Costanza Lupia 105
  • Giorgia Gambato 106
  • Riccardo Tosoni 107
  • Giacomo Salvati 108

 

ed incarica il Presidente di procedere alla loro iscrizione nel Libro dei Soci.

 

  • Manifestazione V.V. BIO 2017 Vittorio Veneto

 

Il presidente riporta l’esito dell’attività che si è svolta sabato 26 Agosto 2017 alla quale il presidente stesso, in accordo con il consiglio, ha deciso di partecipare pur avendo ricevuto l’invito in prossimità della data di realizzazione. La manifestazione incentrata sul vivere sostenibile presenta anche una sezione relativa all’edilizia e quindi è parso opportuno essere presenti. In tale contesto è stata realizzata anche una breve presentazione del progetto di recupero di Casa RurART.it e delle attività generali dell’associazione. Seppur modesta la presenza di pubblico, il feedback è stato molto positivo con manifestazione di interesse. L’associazione “Il Gradino” che ci ha invitati ed ospitati ha ulteriormente invitati alle altre manifestazioni che come vengono realizzate nella regione a Jesolo, Cittadella, Marostica, Mestre, Treviso. In particolare a Treviso 1 sabato al mese viene organizzato il mercatino biologico di piazza Pola e quindi ci hanno data massima disponibilità nell’ospitarci.

 

 

  • Verifica programmazione attività

 

 

Dopo la pausa estiva il presidente chiede al consigliere Lamon Luciano di riepilogare la programmazione a venire.
Il consigliere ha presentato la pianificazione relativa al 4 modulo didattico del 2016/2017 al quale parteciperanno 7 tra studenti e privati ed ha indicato genericamente le fasi che verranno affrontate e le priorità di cantiere analizzate al termine dei workshop estivi con gli artigiani formatori.
Il consiglio prende atto ed approva quanto definito.

Relativamente alla programmazione degli incontri da svolgere a Badoere di Morgano su richiesta dell’amministrazione comunale si era valutata la possibilità di modificare l’approccio della presentazione, vista la modesta partecipazione agli incontri dello scorso anno dato il meteo del periodo (novembre) e la serata scelta (venerdì). L’idea che anche il presidente aveva proposto era quella di concentrare tutti gli incontri in un pomeriggio (ad esempio sabato o domenica) per realizzare una sorta di micro festival con anche la presenza di una qualche forma artistica (ad esempio la presenza di uno spettacolo di danza come quelli che realizza Laura Bonato dell’associazione Indaco) od attività formativa dedicata ai bambini. Il consigliere Lamon sottolinea che una tale tipologia di manifestazione andrebbe organizzata in un periodo più favorevole ad esempio fine estate o primavera. Visti quindi i tempi di pianificazione indicati dall’amministrazione molto brevi di fatto si è  accantonata l’idea per rivalutarla nell’anno a venire. Riconsiderando gli incontri serali si è concordata come serata settimanale quella del lunedì ed una pianificazione nelle possibili date del 20 o 27 Novembre o 4 Dicembre 2017. Un numero di due incontri a cui aggiungere come terza tappa di un ipotetico percorso formativo la visita al KlimaHouse 2018.
Per il primo dei due incontri si è pensato alla formula già realizzata della presentazione con relatore. In questo caso il relatore individuato dal consigliere Lamon è il Prof. Arch. Stefan Hitthaler di Brunico che ha una docenza presso l’università di Ferrara. Il consigliere conferma di aver già preso contatti con il prof. che ha manifestato un reale interesse alla nostra attività come associazione ma nel contempo ci ha avvertito di numerosi impegni nello stesso periodo. Si riserva di risponderci in funzione delle date che gli comunicheremo. Cosa che il consigliere Lamon farà a giorni avendo da poco avuto conferme dall’amministrazione. Lo stesso consigliere sottolinea come sarà importante, nel caso in cui il Prof. accetti l’invito, riuscire a diffondere molto l’evento e coinvolgere non solo la popolazione locale, ma anche parte degli studenti dell’associazione e fasce più giovani della comunità, essendo l’arch. una presenza significativa nel campo dell’architettura sostenibile e della progettazione urbana. Servirà quindi il contributo di tutti nel diffondere l’evento.
Il secondo incontro si propone di realizzarlo come una sorta di gruppo di discussione aperto, con una prima parte di proiezioni di filmati che possano essere lo stimolo della discussione, ed una seconda parte moderata dai componenti del consiglio per affrontare le tematiche proposte e lasciare un dibattito aperto anche sulle problematiche e richieste che i partecipanti possano presentare.
Il consiglio prende atto di quanto formulato ed approva le scelte.

 

Il consigliere Lamon informa di aver preso contatti con l’Arch. Dejori Dietmar per conoscere la sua disponibilità per la visita guidata al castello oggetto di un suo importante intervento. La visita guidata e la visita alla fiera KlimaHouse sarebbero quindi il terzo appuntamento nel percorso prima discusso. L’arch. Dejori si è dimostrato estremamente gentile dando la propria disponibilità dopo aver consultato i proprietari del castello.
Ha avvertito dell’impossibilità di raggiungere con il pullman il castello, Castel Flavon, e quindi è previsto uno spostamento a piedi (circa 10 minuti di camminata) per raggiungerlo.
Il presidente si riserva di valutare il tracciato e considerare il meteo nei giorni della visita.
Il presidente si impegna a realizzare la locandina della giornata basandosi sul modello della visita del 2017.
Gli importi sono presso chè simili allo scorso anno, considerando anche l’aumento del costo di ingresso della fiera. Il presidente si riserva di valutare eventuali contributi sia all’arch Dejori che ai proprietari del castello per la visita.

Il consiglio prende atto di quanto formulato ed approva.

Relativamente al progetto di Casa Catina si è tenuti da poco due incontri uno con la famiglia interessata al recupero ed uno con i proprietari dell’immobile. Entrambi hanno manifestato l’interesse a procedere con il progetto. La fase successiva, indica il consigliere Marin, è quella di diffondere il progetto con l’obiettivo di coinvolgere una seconda famiglia per completare il progetto.
Il presidente riporta la necessità di coinvolgere il gruppo di soci partecipanti il progetto con una riunione per programmare un incontro / evento che possa coinvolgere la comunità e quindi far circolare l’informazione in merito.
Il consiglio prende atto ed approva le proposte.

  • Attività formativa Arcella – Rif. Elisabetta Antonucci

 

Il presidente riferisce della richiesta ricevuta a Giugno da parte di Elisabetta Antonucci, insegnante in una scuola dell’Arcella a Padova, dove si sta seguendo a livello di istituto un percorso di progettazione partecipata tra scuole e comunità del recupero e rigenerazione di un percorso pedonale che colleghi il quartiere Arcella con tutti i poli scolastici. Il tracciato di fatto esiste già ma è stato lasciato in uno stato di degrado. Da 10 anni un architetto della zona in collaborazione con alcune scuole ha iniziato un’opera di pulizia e di studio delle attività che stanno continuando ancor oggi. Il liceo artistico si sta occupando della progettazione dell’arredo urbano e di alcune serre fotovoltaiche. Ha chiesto a noi, come associazione vista la nostra attività, di partecipare a due giornate (in realtà solo alcune ore al mattino), dall’ultima informazione ricevuta e concordata con gli insegnanti o di mercoledì o sabato mattina, nelle quali creare un confronto tra gli studenti e i professionisti ed artigiani del cantiere didattico. Il fine è quello di ragionare insieme sulle scelte effettuate nel corso della progettazione per valutare la fattibilità e dare in base all’esperienza sviluppata dei consigli per la loro realizzazione.
Le date sono da individuarsi nell’ultima decade di ottobre e in primavera del 2018.
Il presidente propone una presenza mista di un professionista e due artigiani per ogni incontro.

Il consiglio prende atto e nella sua totalità approva quando definito.